Coronavirus – la crisi del cambiamento

Quando un uomo entra in questa crisi di cambiamento, ha bisogno di essere guidato, incoraggiato e sostenuto per poter attraversare quella che chiamiamo “la notte oscura dell’anima”.

Proprio come la nostra società che ora ha bisogno delle stesse cose perché il coltello è arrivato all’osso e siamo colpiti da 7 crisi diverse.

  • La crisi sanitaria
  • La crisi monetaria
  • La crisi delle relazioni
  • Crisi sociale
  • Crisi psicologica
  • Crisi d’identità
  • Crisi spirituale

Usciremo meglio e migliori da questo periodo, ma non usciremo allo stesso modo.

Saremo trasformati.

In bene.

Ma sappiamo che la prima cosa che succede a un uomo che è spinto al cambiamento e alla trasformazione è la resistenza al cambiamento.

È solo che a volte la vita non ti dà più possibilità di trasformazione, ma ti getta dritto nel buio per far morire il vecchio tu e far rinascere il nuovo.

Bene, ora questo fenomeno si sta verificando a livello di specie, ma la parte buona è che possiamo prendere la psicologia dell’individuo e applicarla alla psicologia della specie.

Crisi 1 – Salute fisica e sopravvivenza

In situazioni stressanti, il cervello umano entra in modalità “combatti o corri”.

Il cervello fa un passo indietro e l’istinto di conservazione entra in azione. Stiamo pensando alla nostra sopravvivenza fisica a breve termine e non possiamo più consumare energia su nient’altro.

Pensiamo a noi stessi e alla nostra famiglia, nel migliore dei casi.

Produciamo cibo e medicine, guardiamo le notizie e proviamo a vedere cosa ci riserva il domani.

Qualsiasi piano che è stato messo in atto per il 2020 viene annullato e tutti sono diretti al box in attesa di “passare”, ma pensiamoci un po ‘.

Cosa passare esattamente?

Il virus è qui e rimane.

Poiché un uomo con Covid-19 è contagioso 10-12 giorni prima di avere sintomi, puoi darlo a molte persone che a loro volta lo daranno ad altri.

Vedi Cina, Italia e Spagna.

L’obiettivo è quello che non tutti abbiamo il ​​virus ora e distruggere il sistema sanitario che abbiamo.

Lo scopo è quello di proteggere le persone ad alto rischio, gli anziani e quelli con condizioni preesistenti (malattie croniche).

Ci aspettiamo un vaccino o un trattamento efficace ma quando sarà realmente disponibile?

Fino ad ora, la cifra era di almeno 1 anno giorni con i maggiori sforzi nella storia della medicina.

Quindi per quanto tempo resteremo a casa? È chiaro che finora questa è l’unica misura che può proteggerci.

Ma cosa succede dopo?

Il virus sarà ancora qui e sono convinto che dopo l’emergenza non saremo in grado di uscire di casa come prima.

Ciò significa una mancanza di movimento che porta a una serie di altri problemi correlati per le persone.

La mancanza di movimento porta a uno squilibrio ormonale, le tossine non vengono eliminate in un ritmo sano e questo porta a uno stato fisico ed emotivo non positivo.

Pertanto, il movimento diventa ESSENZIALE.

Allenarsi con il proprio peso, saltare la corda, galleggiare, saltare – tutto può essere fatto in spazi ristretti, piccoli campi, diventano un campo essenziale per rafforzare il nostro corpo e la mente per il prossimo periodo.

Crisi 2 – Crisi relazionale

Gli esperimenti mostrano chiaramente che l’agglomerazione porta all’aggressività.

Inoltre, la più grande punizione per questo è l’isolamento, motivo per cui è stata inventata la prigione.

Siamo esseri sociali ma se ci sono problemi interni irrisolti (traumi) o problemi nelle relazioni con l’altro irrisolto, saranno amplificati e accelerati nel prossimo periodo.

Nelle relazioni di coppia, con i bambini o con i genitori, tutto verrà in superficie.

La mia raccomandazione è di assumersi la responsabilità di ciò che sentiamo.

Dobbiamo mettere sul tavolo nuove competenze perché sono la nostra occasione per affrontare insieme questa trasformazione:

amore
compassione
empatia
Aiuto reciproco

Cerchiamo di capire che se siamo difficili, e forse quello accanto a noi è ancora più difficile.

Cerchiamo di essere presenti e di prendere ogni giorno come viene. Possiamo dire ogni sera “oggi ho fatto tutto il possibile per dimostrare umanità”.

Crisi 3 – Crisi finanziaria

Il denaro non scorre più.

I mercati e i mercati azionari stanno cadendo.

Gli imprenditori sanno che la crisi sta arrivando perché le loro aziende non fanno più soldi, quindi non possono più effettuare pagamenti.

La popolazione è in uno stato di negazione nella speranza che il governo, l’Unione europea prenderà misure e queste misure vengono già prese, ma la realtà sul campo dice chiaramente:

  • Alcune industrie scompariranno, altre nasceranno
  • A breve termine, ci saranno molti disoccupati
  • Molti dall’estero torneranno a casa
  • Il potere d’acquisto diminuirà

“È un equilibrio difficile: quanto soffocare nell’economia e dove il limite è lasciare l’economia libera. Se ci fermiamo tutti, quando torniamo al lavoro, non ne abbiamo più cosa lavorare.

I primi interessati dopo il turismo ed i trasporti saranno quelli che affittano gli spazi. Abbiamo imparato che possiamo lavorare da casa.

È ovvio che l’economia non funzionerà più allo stesso modo dopo la crisi. Chiedere ora al governo di fare soldi per tutte le PMI e tutte le società sarebbe un errore.

Potrebbe essere necessario quando riapriranno. Può stimolare alcune aree dell’economia.

Sarà una crisi finanziaria più dura rispetto al 2008, non necessariamente più a lungo.

Stimo che la ripresa economica inizierà alla fine di quest’anno e inizieremo a crescere nel 2021.

Nessuno morirà di fame, ma il modo in cui spendiamo i nostri soldi cambierà radicalmente perché cambierà il sistema di valori in cui viviamo.

Lavorare con passione e piacere diventerà essenziale perché ora ci rendiamo conto che puoi lavorare 10 anni su affari e progetti per perderli durante la notte.

E mentre lavoravi per affari e progetti hai trascurato la salute, le relazioni e la gioia della vita quotidiana, e per cosa?

Quale uomo con la testa apposto sarà disposto a sprecare la sua vita facendo un lavoro che non gli offre soddisfazione e appagamento dell’anima?

4.Crisi – Crisi sociale

Quello che sappiamo finora è che gli eventi dal vivo con le persone sono sospesi a tempo indeterminato.

Festival, matrimoni, centri commerciali, scuole, tutto è chiuso.

“Ci sono 3 possibili casi, dal mio punto di vista. Uno sarebbe che l’anno scolastico dovrebbe continuare e le valutazioni saranno come pianificato, ma è uno scenario difficile da raggiungere perché la chiusura delle scuole è già prevista nel periodo annunciato.

Il secondo sarebbe il rinvio delle valutazioni. Il terzo sarebbe quello della ripetizione dell’anno, ma vedremo, ora è molto difficile dire quale sia la soluzione.

Preferiamo guardare ogni giorno come i bambini vengono insegnati attraverso il metodo online. Tutti gli scenari sono possibili, non esiste un paese in cui tutti gli scenari non vengano presi in considerazione “

Questa è una delle crisi che peserà molto sulla nostra trasformazione come società. Quando vediamo quanto ci mancano le cose che abbiamo considerato naturali, cambieremo il nostro sistema di valori e non lasceremo mai che l’inseguimento delle illusioni ostacoli le interazioni umane sane.

Da questa crisi sociale nascerà una preoccupazione per una natura molto più ampia, impareremo ad apprezzare l’aria libera e pulita e impareremo a divertirci molto di più.

Crisi 5 – Crisi psicologica

Se sono nervoso, agitato, irritabile, in preda al panico, ho paura: è importante capire che posso controllare la paura ed è importante conoscere come posso controllare i miei pensieri e le mie emozioni.

Dalla meditazione al mindset ci sono molte cose che possiamo fare in questi giorni ma a causa delle crisi di cui sopra, le persone pensano ancora che non saranno in grado di dare la priorità a ciò che ora chiamiamo “lavoro interiore”.

Ma sono sicuro che dopo che le crisi urgenti si calmano, le crisi sanitarie e finanziarie, quando le persone torneranno alla loro routine, daranno più valore al loro mondo interiore perché nel 2020 avremo la possibilità di affrontare tutte le nostre qualità e difetti.

Capiremo che il nostro mondo esterno è un vero riflesso del mondo interiore e non ci permetteremo più di trascurare ciò che chiamiamo “il nostro tesoro interiore”.

Crisi 6 e 7 – Crisi d’identità e crisi spirituale

Chi siamo nella nostra essenza?

Come abbiamo vissuto la nostra vita e come vorremmo viverla dopo questo periodo?

Abbiamo una vita spirituale che ci porta pace e pace interiore?

Chi siamo senza il nostro lavoro, senza le routine che ci hanno fatto vivere fino ad ora da robot senza prestare attenzione e consapevolezza agli aspetti importanti della nostra vita?

Queste ultime due crisi si manifesteranno nell’arco di 2-3 mesi, quando le persone si renderanno conto che ciò che è stato non sarà più lo stesso.

Quando le persone diventeranno consapevoli della vera dimensione della trasformazione che è richiesta da noi, entreremo nella vera fase di guarigione della nostra anima e della nostra specie.

Capiremo che possiamo esistere in armonia con la natura, con gli altri, con Dio e con noi stessi o non esisteremo più.

Comprenderemo la necessità e l’urgenza di riconnetterci a ciò che è veramente importante e renderemo questa riconnessione una priorità.

Riassunto

Ciò che la gente ancora non capisce è che siamo colpiti da 7 crisi simultaneamente e che alla loro fine emergeremo come individui e società.

La trasformazione ed il cambiamento. Uscire dal comfort fa male.

Ma alla fine, chi sa come guidare il cambiamento uscirà vittorioso.

Chi non si adatta, muore.

Anche io e forse anche voi avete attraversato nella vita delle crisi di trasformazione.

Di solito l’uomo agisce solo quando ha il coltello fino all’osso.

L’amore della tua vita ti ha lasciato, hai una malattia o hai un incidente, fallisci e poi ti svegli.

La stessa cosa sta accadendo oggi con tutta l’umanità contemporaneamente.

Se dobbiamo essere onesti, era un’aria di cambiamento.

Eravamo alla fine della strada.

Per quanto ancora dobbiamo correre dietro al vento?

Consumismo, maniaci del lavoro, dipendenze: questa era la nostra montagna russa.

George Carlin afferma in uno dei suoi stand-up che il pianeta ha un sistema immunitario e può sbarazzarsi di noi proprio come vuole.

Eppure, il pianeta ci ama.

Ci ha dato la più semplice delle crisi planetarie che avremmo potuto avere.

Sappiamo già che sopravviveremo come specie.

Potrebbero esserci altri scenari:

Guerra atomica
Cataclisma naturale
Frammenti di comete o asteroidi giganti

Eppure siamo stati colpiti da una influenzale modificata e resistente ai trattamenti noti.

Supereremo il momento.

Ma non possiamo essere più gli stessi. E sono convinto che non saremo gli stessi perché io non posso più essere lo stesso.

E so che neanche tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *